Notizie Pensionati

REDDITO DI CITTADINANZA

PROSSIMA SETTIMANA STANZIATI 250 MIL. PER FINANZIARLO

"Dal primo ottobre voglio sperimentare il reddito di autonomia per tutto il 2015 e tutto il 2016.
Con il reddito di autonomia vogliamo rendere autonomi i cittadini lombardi dalla povertà, dalla situazione di disagio e dall'impossibilità di vivere dignitosamente e voglio aiutare chi non può essere aiutato in altro modo, per esempio chi non può essere aiutato con l'inserimento nel mondo del lavoro.
Penso per esempio agli anziani, a chi ha malattie croniche o gravi disabilità, ma penso anche ai cittadini che sono sotto la soglia di povertà".

Lo ha spiegato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, intervenendo in diretta alla trasmissione televisiva di TeleLombardia 'Orario continuato'

"Attraverso quali misure? Non abbiamo ancora scritto nulla, abbiamo tante idee - ha detto il Presidente - ma vogliamo ascoltare ogni proposta a riguardo e sollecito i cittadini ad inviarci idee e proposte. Intanto la settimana prossima approveremo in consiglio regionale una legge che stanzia 250 milioni di euro, soldi nostri, della Regione, per finanziare il reddito di autonomia e le misure che andremo a definire".

RAPPORTO INPS 2014

STRALCIO PENSIONI

Le uscite per prestazioni istituzionali per l’anno 2014 ammontano a 303,4 miliardi di euro di cui 268,8 miliardi per prestazioni pensionistiche e 34,6 miliardi per prestazioni economiche aventi carattere temporaneo (dati di pre-consuntivo 2014). 

L’Inps mette in pagamento ogni mese complessivamente quasi 21 milioni di pensioni a favore di circa 15,6 milioni di beneficiari di cui oltre 7,2 milioni (46,4%) di uomini e 8,4 milioni di donne (53,6%).  >>>

RIFORMA SANITÀ

MARONI: VOGLIAMO MIGLIORARE UN SISTEMA GIÀ ECCELLENTE

Il 14 luglio scorso è iniziata nell'Aula del Consiglio regionale, la discussione sul Progetto di Legge relativo alla Sanità.

Parliamo di evoluzione e non di riforma che implica qualcosa che non funziona e che va cambiato: parliamo di evoluzione perché il nostro sistema socio-sanitario funziona e questo è stato riconosciuto anche dall'Organizzazione Mondiale della Sanità che due settimane fa, elencando le varie eccellenze, ha citato anche la Lombardia, unica regione in Italia" ha sottolineato il Presidente Maroni, continuando dicendo "Vogliamo fare una riforma che renda ancora più efficiente il Sistema socio-sanitario lombardo, adeguandolo all'evoluzione della società lombarda, con l'invecchiamento della popolazione e quindi con l'aumento della cronicità, integrando sul territorio l'attività delle aziende ospedaliere con l'assistenza alle persone con malattie croniche. Questa riforma porterà a una riduzione dei costi, avremo un risparmio a regime stimato in via prudenziale in oltre 300 milioni l'anno”  >>>