Nuove Regole per i Gas Fluorurati dal Regolamento 517/2014

INCONTRO TECNICO sul nuovo Regolamento Gas Fluorurati: illustrazione delle principali novità per installatori e manutentori di impianti e attrezzature

Martedì 3 febbraio 2015
Ore 18.30
Presso la sede provinciale di CNA
Via Orzinuovi 3 – Brescia

Iscriviti inviando la scheda di partecipazione

Dal 1° gennaio 2015 è definitivamente in vigore il nuovo Regolamento in materia di gas fluorurati (regolamento Ue 517/2014) che ha abrogato il regolamento 842/06 precedentemente in vigore. Le nuove regole riguardano: 
a) il contenimento, l'uso, il recupero e la distruzione dei gas fluorurati a effetto serra; 
b) l'immissione in commercio di prodotti e apparecchiature;
c) particolari usi di gas fluorurati a effetto serra;
d) limiti quantitativi per l'immissione in commercio di idrofluorocarburi.

Alcune delle novità introdotte dal regolamento riguardano l’attività di installatori e manutentori operanti su impianti contenenti gas fluorurati.

  • I gas fluorurati a effetto serra saranno esclusivamente venduti a e acquistati da imprese in possesso dei certificati o degli attestati o da imprese che impiegano persone in possesso di un certificato o di un attestato di formazione, senza impedire alle imprese non certificate che non svolgono le attività di installazione, di raccogliere, trasportare o consegnare gas fluorurati a effetto serra.
  • Le apparecchiature non ermeticamente sigillate caricate con gas fluorurati ad effetto serra possono essere vendute agli utilizzatori finali solo a condizione che si dimostri che la loro installazione verrà effettuata da imprese certificate secondo i vigenti Regolamenti UE.I limiti delle varie disposizioni non saranno più in kg di gas fluorurato ma in kg di CO2 equivalente, in modo da penalizzare le applicazioni che utilizzano gas con elevato *GWP* (pontenziale di riscaldamento globale - Global Warming Potential)
  • Il rilascio intenzionale nell'atmosfera di gas fluorurati a effetto serra è vietato, se non è tecnicamente necessario per l'uso previsto. Pertanto gli operatori di apparecchiature contenenti gas fluorurati a effetto serra dovranno prendere delle precauzioni per prevenire il rilascio accidentale («perdita») di tali gas e adottare tutte le misure tecnicamente ed economicamente praticabili per minimizzare la perdita di gas fluorurati a effetto serra. Qualora venga rilevata una perdita, deve essere riparata “senza ingiustificato ritardo”.
  • I controlli periodici delle perdite dipenderanno dalle tonnellate di CO2 in essi contenute, in particolare i nuovi limiti sono: 5 – 50 – 500 tonnellate
  • Si estende il campo di applicazione  anche agli “autocarri frigoriferi” , ai “rimorchi frigoriferi” e alle apparecchiature con funzionamento a “ciclo Rankine”. Gli obblighi su queste riguardano sia i controlli periodici delle perdite che per il recupero dei gas.
  • Registro dell’apparecchiature anche per le imprese che effettuano i controlli periodici delle perdite. Qualora le apparecchiature contengano gas riciclati o rigenerati nel registro vanno inserite indicazioni circa l’impianto in cui è stato effettuato il riciclo o la rigenerazione. In caso di dismissione dell’apparecchiatura sul registro vanno riportate indicazioni relative alle misure adottate per il recupero e lo smaltimento del refrigerante Tali registri vanno conservati per 5 anni.
  • La formazione e la certificazione precedentemente ottenuti rimarranno validi. Vengono introdotti nuovi requisiti: per chi opera su autocarri refrigeranti e rimorchi frigoriferi; su dispositivi d’aria condizionata nei veicoli a motore fuori dall’ambito della direttiva 2006/40/EC.
  • Viene inoltre introdotto l'obbligo di certificazione (oltre che per le imprese che installano, manutengono, riparano, controllano perdite o recuperano gas) anche per le imprese che smantellano le apparecchiature contenenti gas fluorurati.
  • Le apparecchiature di refrigerazione e condizionamento d’aria con gas idrofluorocarburi (HFC) possono essere immesse sul mercato solo a condizione che i gas stessi rispettino le quote specificate dal Regolamento; sempre in materia di HFC viene istituito un Registro elettronico della Commissione europea per l’immissione in commercio di tali apparecchiature.

per informazioni sull'incontro:
CNA Installazione e Impianti
(0303519511 - )