FONDO IMPRESA DONNA: sostegno alle donne che fanno impresa!

Home » BANDI » FONDO IMPRESA DONNA: sostegno alle donne che fanno impresa!

Titolo

Firmato il decreto interministeriale che rende operativo il Fondo Impresa Donna che mira a rafforzare gli investimenti e i servizi a sostegno dell’imprenditorialità femminile.

L’obiettivo della misura è quello di incentivare la partecipazione delle donne al mondo delle imprese, supportando le loro competenze e creatività per l’avvio di nuove attività imprenditoriali e la realizzazione di progetti innovativi, attraverso contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati.

Il Fondo Impresa Donna è istituito con un finanziamento iniziale di 40 milioni di euro, ai quali si aggiungeranno le risorse PNRR, 400 milioni, destinate all’imprenditoria femminile.

Il decreto interministeriale prima di diventare operativo sarà  inviato alla Corte dei Conti per la registrazione.

La procedura di accesso alle agevolazioni è a sportello. Occorre compilare la domanda per via elettronica utilizzando il sito www.invitalia.it.

Gli incentivi saranno così ripartiti:

  1. Incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili
  2. Incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili
  3. Azioni per la diffusione della cultura e la formazione imprenditoriale femminile

1 – Incentivi per la nascita delle imprese femminili

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese femminili con sede legale/operativa ubicata sul territorio nazionale, costituite da meno di 12 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

N.B.: Possono presentare domanda di accesso alle agevolazione anche le persone fisiche che intendono costituire un’impresa femminile.

Sono ammissibili le iniziative che prevedono i seguenti programmi d’investimento:

  1. Produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli
  2. Fornitura di servizi in qualsiasi settore
  3. Commercio e turismo

Sono ammissibili le spese fino a 250.000 € e devono essere sostenute entro 24 mesi dalla data di concessione delle agevolazioni.

Entità del contributo:

 È previsto un contributo a fondo perduto così ripartito:

  • 80% a fondo perduto per spese non superiori a 100.000 € con un contributo massimo di 50.000 €
  • 90% a fondo perduto per le donne in stato di disoccupazione che avviano un’impresa individuale o un’attività di lavoro autonomo, con contributo massimo di 50.000 €
  • 50% a fondo perduto per spese superiori a 100.000 e fino a 250.000 €.

Spese ammissibili

  1. Impianti, macchinari, attrezzature nuove di fabbrica
  2. Immobilizzazioni immateriali
  3. Servizi in cloud
  4. Personale dipendente assunto a tempo determinato/indeterminato
  5. Esigenze di capitale circolante nel limite del 20% delle spese ammissibili.

2 – Incentivi per il consolidamento delle imprese femminili

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese femminili con sede legale/operativa ubicata sul territorio nazionale, costituite da almeno 12 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

Sono ammissibili le iniziative che prevedono i seguenti programmi d’investimento:

  1. Produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli 
  2. Fornitura di servizi in qualsiasi settore
  3. Commercio e turismo

Le spese non superiori a 400.000 €, devono essere sostenute entro 24 mesi dalla data di concessione delle agevolazioni.

Entità del contributo:

  • Per le imprese femminili costituite da almeno 12 mesi e da non più di 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, le agevolazioni sono concesse per il 50% in forma di contributo a fondo perduto e per il 50% sotto forma di finanziamento a tasso zero fino a una copertura dell’80% delle spese ammissibili
  • Per le imprese costituite da più di 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, la copertura è dell’80%. Il contributo a fondo perduto e il finanziamento si applicano alle sole spese di investimento, mentre le esigenze di capitale circolante sono agevolate con contributo a fondo perduto.

I finanziamenti hanno durata 8 anni, sono a tasso zero e vengono rimborsati dopo 12 mesi dall’ultima quota di erogazione dell’agevolazione

Spese ammissibili:

  1. Impianti, macchinari, attrezzature nuove di fabbrica
  2. Immobilizzazioni immateriali
  3. Servizi in cloud
  4. Personale dipendente assunto a tempo determinato/indeterminato
  5. Esigenze di capitale circolante nel limite del 20% delle spese ammissibili.

3- Azioni per la diffusione della cultura e la formazione imprenditoriale femminile

Il Fondo per l’impresa femminile sostiene inoltre le seguenti iniziative: 

    • Iniziative per promuovere il valore dell’imprenditoria femminile nelle scuole e nelle università; 

    • Iniziative per la diffusione di cultura imprenditoriale tra le donne; 

    • Iniziative di orientamento e formazione verso percorsi di studio nelle discipline STEM (scientifiche, tecnologiche, Ingegneristica e matematiche); 
    • Iniziative di sensibilizzazione verso professioni tipiche dell’economia digitale; 
    • Azioni di comunicazione per diffondere la cultura femminile d’impresa e promuovere i programmi finanziati dal presente decreto. 

 

Contattaci per maggiori informazioni:

☎️ 0303519511 – ✉️sviluppo@cnabrescia.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *